Categorie
Prestiti

Prestito Convenzione Inps Cessione Quinto

Per ottenere i prestiti convenzione Inps, esistono condizioni basilari, come, appunto, essere un pensionato iscritto all’Inps e sottoporre la domanda di finanziamento presso una banca o società finanziaria che dovrà consentire all’erogazione. E’ probabile che, se i requisiti del soggetto saranno validi, la concessione sarà approvata. Non serviranno particolari condizioni, importante sarà percepire una pensione sufficiente da cui ricavare sia il rimborso dell’eventuale rata mensile, sia da garantire un consono tenore di vita all’anziano ed un’età non eccessivamente avanzata, in modo tale da poter ottenere la restituzione del finanziamento regolarmente.

– Quali sono le condizioni dei prestiti con convenzione Inps?

Per usufruire dei prestiti convenzione Inps, il pensionato dovrà recarsi presso gli istituti bancari o finanziari aderenti all’iniziativa di cui troverà l’elenco completo presso le sedi Inps oppure online.
Quando la richiesta dei prestiti convenzione Inps sarà stata accettata, l’Inps stessa gestirà il pagamento delle rate del capitale ottenuto, trattenendo dalla pensione un importo pari al massimo di un quinto della pensione. Il pensionato è tenuto inoltre a richiedere all’Inps della comunicazione di cedibilità, che va ad indicare l’importo massimo della rata del prestito pagabile con la sola pensione. Si tratta di una comunicazione importantissima, infatti è indispensabile per stipulare il contratto di prestito e dovrà essere esibita alla banca o finanziaria prescelta per l’erogazione del finanziamento convenzionato.

I prestiti convenzione Inps, va detto, vanno anche a tutelare e salvaguardare quelli che sono gli interessi del pensionato stesso, in quanto l’Inps, dopo aver ricevuto il contratto del prestito convenzionato dall’istituto di credito erogante, va ad analizzare le condizioni previste contrattualmente, accertandosi sul tipo di istituto di credito verificandone i requisiti, le spese di istruttoria indicate nel contratto, l’estinzione anticipata, l’eventuale premio assicurativo per premorienza, l’importo della rata da sostenere, ai fini di confermare che tutto è stato eseguito regolarmente nel rispetto della convenzione stipulata per i prestiti Inps con le banche aderenti.

– Come viene regolato il rimborso dei prestiti con convenzione Inps?

Dei prestiti Inps convenzionati va valutata l’eventuale convenienza, infatti le banche e le società finanziarie che aderiranno, per regolamento non potranno applicare un tasso d’interesse superiore all’8,45% per i prestiti inferiori ai 5 mila euro e al 7,55% per finanziamenti superiori a detto importo. Le trattenute sulla pensione necessarie al rimborso dei prestiti convenzionati Inps verranno applicate a partire dal 3° mese dalla notifica del contratto da parte dell’istituto di credito che ha concesso il finanziamento. Esistono tuttavia delle limitazioni per alcune categorie, come ora descriveremo in breve.
Coloro che percepiscono una regolare pensione avranno accesso ai prestiti convenzione Inps purchè questa non rientri nelle pensioni sociali, di invalidità civile, o percepiscano assegni per l’assistenza agli inabili o assegni di sostegno al reddito o quelli al nucleo famigliare, comprese le pensioni del personale bancario.

Prestiti convenzione Inps aggiornato il 16 giugno 2011

Vai alla home:Cerca prestiti

Tags: prestito convenzione inps cessione quinto, prestito convenzione inps pensionati, richiesta prestiti convenzionati inps

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.